SNB testatina

Ciclista Urbano 4

A Napoli muoversi in bicicletta è molto più semplice di quanto si possa immaginare. Bastano pochi giorni per poter apprezzare quanto la bicicletta costituisca, anche nella nostra città, una valida alternativa all'auto. In questa sezione vengono raccolte una serie di informazioni utili al ciclista urbano ma anche a coloro che si accingono ad intraprendere un'esperienza di mobilità ciclistica.

Il ciclista urbano
Il ciclista urbano è colui che sceglie di utilizzare la bicicletta negli spostamenti in ambito cittadino al di fuori di un contesto meramente sportivo e ludico. Le motivazioni che lo inducono a fare questa scelta sono le più svariate, ma una predomina su tutte: la voglia di spostarsi liberamente tra le strade della propria città senza dover fare i conti con il traffico e le difficoltà di parcheggio. Quindi il ciclista urbano è generalmente un ex “autoinscatolato” che è stufo delle lunghe code ai semafori, degli ingorghi a “croce uncinata”. È una persona che dà grande valore al proprio tempo e non intende sprecarlo rimanendo bloccato per ore all’interno della propria auto, con inevitabili conseguenze sul suo equilibrio psicofisico.

Il ciclismo urbano a Napoli
A Napoli, negli ultimi anni, il numero dei ciclisti risulta essere in costante aumento. Il dato significativo è che sempre più persone scelgono di utilizzare la bicicletta come mezzo di spostamento urbano. Noi siamo dell’idea che questa tendenza sia particolarmente importante e vada incoraggiata il più possibile. Chi utilizza le due ruote ogni giorno, dimostra che Napoli può essere una città ciclabile e che in ambito urbano la bicicletta è di gran lunga più vantaggiosa dell’auto: permette di muoversi in modo rapido, flessibile ed ecologico.
In che modo è possibile sostenere questa buona pratica? Basta guardare alle iniziative intraprese in altri paesi europei ma anche in alcune città italiane, una su tutte Milano. Occorre innanzitutto rendere questi spostamenti più comodi e sicuri ampliando la rete ciclabile, adottando misure di moderazione del traffico e favorendo l’integrazione tra bici e altre modalità di trasporto (funicolari e metropolitane).